Il Progetto “Buone pratiche contro la pedofilia” (BP) ha realizzato una guida sui pericoli della rete. Il suo intento è di mostrare alle famiglie le insidie e i pericoli che il profondo mare di internet può presentare, con l’obiettivo di fornire ai genitori una bussola per orientarsi e orientare i propri figli ad un uso consapevole e responsabile delle nuove tecnologie.
👩‍🦰👨‍🦱 Il benessere dei ragazzi infatti dipende anche dal rapporto con le figure adulte di riferimento che riescono ad orientarli prendendosi cura delle relazioni e del legame con loro, consentendo agli stessi di vivere l’online in sicurezza e protezione.

Internet svolge una funzione sociale nell’informazione, nell’intrattenimento e nell’interpretazione di ciò che accade nel mondo e contribuisce alla creazione di una vera e propria costruzione della realtà. Lo spazio virtuale rappresenta un luogo di socialità in cui si può trovare supporto, sperimentare nuove identità e creare nuove relazioni. All’interno di esso però trova spazio anche un mondo sommerso che può esporre ad una pressione sociale con conseguenti comportamenti disfunzionali.

Il gruppo BP lavora sulla prevenzione del disagio in età evolutiva e la promozione di attività di formazione e di sensibilizzazione permanente della comunità per una cultura contro l’abuso, la pedofilia ed ogni forma di violenza (sia online che offline).
Durante quest’anno scolastico è stato realizzato un corso online rivolto ai genitori “Genitori e figli iperconnessi” sull’utilizzo responsabile delle nuove tecnologie e prevenzione dei pericoli della rete, una bellissima esperienza a cui si sono iscritti più di 300 genitori.
👉 Da questa esperienza è nata questa guida che si può scaricare al seguente link: https://bit.ly/3uK7xWc